8.7.15

Ricetta del Clafoutis di ciliegie, sia in versione vegana che tradizionale




Il clafoutis è un dolce al cucchiaio tipico della tradizione culinaria francese, cotto al forno e realizzato con ciliegie mature affogate in una pastella simile a quella delle crêpes. 
È originario della zona di Limousin e il suo nome deriva dall'occitano "clafir", che significa letteralmente "riempire". 
Veniva preparato dai contadini con le ciliegie selvatiche e portato come merenda nei campi durante il periodo della raccolta del fieno.

Le ciliegie sono il frutto che in assoluto più mi ricorda l'estate: sono molto golose, e si sa che una tira davvero l'altra. Come in una reminiscenza un po' proustiana mi ricordano il periodo dell'infanzia, quando sognavo di essere già grande e di avere i buchi alle orecchie, e allora appendevo una coppia di ciliegie al lobo come fossero gioielli preziosi.

Veniamo ora agli INGREDIENTI PER UN CLAFOUTIS  DI CILIEGIE IN VERSIONE VEGANA:

300 gr di ciliegie nere (praticamente un cestino)
70 gr di farina (io ho usato un mix di farine biologiche per dolci)
30 gr di farina di mandorle
50 gr di sciroppo d'agave
200 ml di crema di soia biologica
1 cucchiaino di vaniglia Bourbon in polvere
3 cucchiai di liquore alle ciliegie 
1 pizzico di sale
olio di semi q.b. 
zucchero a velo biologico q.b.
Come prima cosa lavate le ciliegie. Io, come da ricetta originale, ho preferito mantenere il nocciolo e le ho private solo del picciolo, ma se preferite potete denocciolarle. La tradizione racconta che i noccioli durante la cottura rilasciano un particolare aroma che rende il dolce più gustoso.

Mescolate in una terrina lo sciroppo d'agave per dolcificare (potete sostituirlo con quello d'acero o con lo zucchero di canna), la crema di soia e i 3 cucchiai di liquore (se non l'avete in casa potete sostituirlo col limoncello o col succo di mezzo limone).
In un altro recipiente mischiate gli elementi solidi: le farine, la vaniglia e un pizzico di sale.
Travasate la componente liquida in quella secca e mescolate fino a ottenere un composto omogeneo.
Il risultato sarà molto liquido, simile alla pastella delle crêpes.

Oliate la tortiera e infarinatela, poi adagiate le ciliegie e ricopritele con tutta la pastella.

Infornate a 200° per 30 minuti circa.

Capirete che il dolce è cotto quando si creerà sulla superficie una deliziosa crosticina.

Sfornate il clafoutis, lasciatelo raffreddare e spolverizzatelo con lo zucchero a velo. 
La consistenza sarà molto cremosa, simile a quella di un budino. Può essere mangiato freddo o tiepido, oppure ancora, come piace a me, accompagnato da una pallina di gelato alla vaniglia.



In molti mi avete chiesto di indicare sempre gli ingredienti della ricetta originale oltre alla versione veganizzata, quindi eccoli:

INGREDIENTI PER UN CLAFOUTIS  DI CILIEGIE CLASSICO (nome originale "Clafoutis aux cerises")

300 gr di ciliegie
100 gr di farina 00 
250 ml di latte 
100 gr di zucchero 
20 ml di brandy
3 uova
1 cucchiaino di vaniglia in polvere
1 pizzico di sale
burro q.b. per imburrare la tortiera
zucchero a velo q.b. 

Il procedimento rimane lo stesso.

Il clafoutis può anche essere realizzato con altri frutti di stagione come prugne, albicocche, lamponi, fragole, pesche,… insomma con quello che offre il vostro giardino o il vostro fruttivendolo di fiducia. 
L'importante è consumarlo all'aria aperta: una colazione in terrazzo o un picnic al parco sono davvero il modo ideale di gustare questo dolce.

Se lo proponete come dessert per una cena rustica, un'idea raffinata può essere quella di creare delle monoporzioni con delle mini pirofile. Così da servire a ciascun ospite ogni clafoutis direttamente nel suo contenitore.

E mentre preparate la ricetta mi raccomando non mangiate tutte le ciliegie!

thanks for reading

44 commenti:

  1. Credo sia davvero moooolto goloso!! Grazie per la ricetta! ;-) Assunta

    RispondiElimina
  2. Ombretta sembra un dolce eccezionale!!! Non l'ho mai preparato ne' mangiato ma amo le ciliegie alla follia, sono il mio frutto preferito e dovrò assolutamente provarlo. Dalle tue foto, stupende per altro, sembra buonissimo, quanto è durato a casa tua?

    RispondiElimina
  3. Sono anni che voglio prepararlo!!! Mi sembra buonissimo! Ma come posso, nella versione classica, sostituire le uova? Mia madre è intollerante al lattosio e il latte senza lattosio si trova... Ma le uova? Anche le uova contengono lattosio e non saprei come sostituirle nei dolci!
    Inoltre la versione vegana contiene troppi ingredienti che non conosco e non uso, e quindi non mi va di farla... Mi faresti davvero un favore se mi aiutassi con la questione uova :)
    Grazie in anticipo!

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai provato la versione classica senza uova. Di solito per sostituire le uova basta aumentare la componente liquida quindi aumenta la dose di latte (ti consiglio quello di mandorla). Per legare gli ingredienti dell'impasto aggiungi 3 cucchiai di amido di mais, farina di riso o fecola di patate.

      Elimina
    2. Mi permetto di intervenire,avendo un bimbo che soffre di diverse intolleranze alimentari...il lattosio è lo zucchero contenuto nel latte e derivati e non si trova nelle uova. Certo anche le uova contengono allergeni, spesso il problema sono le proteine del latte (e anche quelle delle uova) ma non c'è lattosio :-)

      Elimina
    3. Hai ragione Maria nelle uova non c'è lattosio. Mi ero concentrata nel trovare una soluzione alternativa alle uova senza leggere bene i motivi che spingevano Maira a chiedermi una un'altra opzione. Mi rimane il dubbio che sua mamma sia allergica a entrambe le cose.

      Elimina
    4. In realtà avevo letto che l'uovo contiene lattosio. In seguito a questi vostri commenti ho cercato bene online e ho letto che in effetti una minima percentuale è presente solo nel rosso e nel bianco delle uova fresche e crude... Da questo presumo che dopo la cottura se ne perda ogni traccia... Vi ringrazio entrambe infinitamente perché mi avete spinto ad informarmi meglio... Ombretta, grazie comunque per la soluzione ;)

      Un abbraccio

      Maira

      Elimina
  4. Ma che bello e buono!!Amo le ciliegie quelle nere :-)
    Non so cosa sia lo sciroppo d'agave???
    belle anche le foto ti invogliano a mangiarlo :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un dolcificante naturale ricco di calcio e sodio estratto appunto dall'agave. È molto salutare. Puoi usarlo anche per dolcificare le bevande, se non lo hai per la ricetta puoi utilizzare lo zucchero di canna.

      Elimina
  5. sluuuurp! Grazie per avere dato anche l'alternativa vegana, prenderò nota!

    RispondiElimina
  6. Ombretta bella ricetta veramente!
    Grazie devo provarla a fare!

    RispondiElimina
  7. Mi è già venuta l'acquolina in bocca, complimenti ;)

    RispondiElimina
  8. Resistere alle ciliegie nel mentre della preparazione, sara' un' impresa, ma...
    ci credi che non ho mai fatto il clafoutis di ciliegie? E si, che sono sempre in cucina a pasticciare... che splendido aspetto, lo voglio provare.

    RispondiElimina
  9. Mamma mia, questa ricetta mi ha fatto venir fame =) La proporrò per il mio compleanno xD
    Grazie =)

    RispondiElimina
  10. Sai che non ho mai preparato n'è mangiato il clafoutis!!! Però ora ho la tua versione vegan quindi sono a posto, la proverò, grazie :-) Per crema di soia intendi lo yogurt? Lo so che non si dovrebbe chiamare yogurt, ma mi viene spontaneo continuare a chiamarlo così :-P
    Anche a me le ciliegie ricordano molto l'infanzia: i grandi di famiglia le raccoglievano nei campi, mentre noi bambini stavano sui rimorchi dei trattori :-D
    Ciao Ombretta, un bacio
    P.S. Abbiamo la stessa tazza rossa, troppo bella!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manuela non è lo "yogurt" che trovi al banco frigo è una specie di panna liquida si trova di solito nel reparto lieviti, farine,... io l'ho presa da NaturaSì. Adoro le tazze di latta! Un bacio

      Elimina
  11. Ahhhh!!! "n'è" l'ha scritto il correttore automatico del tablet....intendevo né :-)

    RispondiElimina
  12. La voglio fare pure ioooo!!! E' già golosissima solo a vederla!

    RispondiElimina
  13. Dev'essere buonissimo... da provare!
    Grazie per la ricetta!
    Baci
    Laura

    RispondiElimina
  14. Già dalla foto emana bontà... chissà a mangiarla, grazie per la ricetta.

    RispondiElimina
  15. Mentre la leggevo ero già lì che pensavo di farne la versione tradizionale.....ci provo....grazie

    RispondiElimina
  16. Ottima ricetta, viene voglia di mangiarlo, grazie per la ricetta

    RispondiElimina
  17. Le foto di questa ricetta sono strepitose! Che golosità! Da provare.

    RispondiElimina
  18. Mi segno subito questa golosità! Grazie!

    RispondiElimina
  19. ha un aspetto delizioso, e un ottima alternativa alla solita colazione, devo prorpio prepararlo, grazie per le info

    RispondiElimina
  20. mi segno le ricette ma credo le proverò senza liquore, non mi piace molto nei dolci

    RispondiElimina
  21. Mia madre adora questa ricetta, lei di solito invece di mettere le ciliegie mette le prugne, però questa versione vegani mi incuriosisce, devo mandargliela subito =)

    RispondiElimina
  22. Un dolce molto estivo con uno dei frutti principi di questa stagione, le ciliegie.Mai provata ma mi piacerebbe .

    RispondiElimina
  23. Ammetto che mi tentava molto l'idea de clafoutis veg ma temo mi manchino troppi ingredienti per fare un tentativo per il pranzo della domenica.
    Allora credo che propenderò per la versione tradizionale, in quel caso non mi manca nulla (avrò 3-4 kg di ciliege in frigo) :-)

    RispondiElimina
  24. Voglio provarlo! Adoro le ciliegie!
    Buona domenica

    RispondiElimina
  25. Buonooooo. Complimenti per il blog è molto interessante

    RispondiElimina
  26. Le immagini fanno venire voglia di assaggiarlo!
    Posso utilizzare la tua bellissima foto ed il collegamento a questa ricetta per augurare la buona settimana ai like della mia pagina fb?

    RispondiElimina
  27. Dev'essere molto buono...ottima recensione sembra gustarlo mentre la si legge :-)

    RispondiElimina
  28. Ottima ricetta, amo le ciliege, mi voglio cimentare pure io

    RispondiElimina
  29. Adoro i clafoutis, sia nella versione classica alle ciliegie (però odio snocciolare tutte quelle ciliegie!), che alle fragole!

    RispondiElimina
  30. Ciao non conoscevo questo dolce...grazie per avercene anche raccontato la storia!!Mi segno la ricetta tradizionale per il prossimo anno sperando che il mio ciliegio dia tanti frutti non pochissime come quest'estate!!un bacione!!

    RispondiElimina
  31. GRRRRRRRRRRRRRRRRRR.... :(
    Perchè a me questo dolce non riesce??????????....NON CI PROVO PIU'

    RispondiElimina
  32. Cara Ombretta, ogni volta che pubblichi qualcosa, rimango estasiata. Mi piace molto il tuo blog, davvero. Complimenti

    RispondiElimina
  33. Non conoscevo questo dolce, mi sembra molto appetitoso! Hai ragione, la cosa più difficile sarà non mangiarsi tutte le ciliegie ;) bacio

    RispondiElimina
  34. Non amo molto le ciliege...ma questo dolce deve essere squisito!!!

    RispondiElimina
  35. Questo è un dolce che mi piace veramente moltissimo! Proverò la tua ricetta.. Grazie e buona serata.. :-D

    RispondiElimina