1.12.16

Calendario dell'Avvento fai da te, come creare un villaggio di Natale coi cartoni del latte riciclati




Adoro le settimane che precedono il 25 dicembre quasi più del Natale stesso! Vengo presa da una vera e propria frenesia creativa: appendo ghirlande alle porte di casa, impacchetto regali handmade e sperimento nuove ricette per biscotti speziati che riempiono le stanze con il loro profumo. Per celebrare quest’attesa carica di magia l’oggetto che non può assolutamente mancare è il calendario dell’Avvento, amato dagli adulti e adorato soprattutto dai bambini, che ogni giorno possono aprire una casella e scoprire una piccola sorpresa. Un distillato di gioia ogni mattina prima di andare in ufficio e a scuola. Quest’anno come segnatempo ho provato a ricreare un vero e proprio villaggio incantato, con tanto di casette in miniatura e lucine scintillanti. Per realizzarlo ho utilizzato i comuni cartoni del latte, li ho accuratamente spruzzati di bianco, ho ritagliato le finestre e ci ho inserito un lumino a LED per rendere più scenografico il paesaggio una volta calata la sera.


Se volete realizzarlo a casa vostra qui di seguito trovate un semplice tutorial: basterà seguirlo passo per passo e anche per voi si realizzerà un bianco Natale. Iniziate tenendo da parte i cartoni del latte, ma vanno bene anche quelli del succo di frutta o altri tipi di imballaggi in Tetra Pak. Ve ne serviranno 24 (per cui chiedete aiuto ad amici e parenti!) così da avere diverse tipologie di forme e di grandezze che vi permetteranno di assicuravi una bella varietà nel creare le casette.


25.10.16

Tutorial per realizzare una zucca decorativa di Halloween con l'aiuto di uno stencil

 
Le zucche-lanterna sono da sempre il simbolo della festa di Halloween. Il frutto viene accuratamente privato della polpa interna e intagliato con la sagoma di un volto grottesco. Basta poi inserire all'interno dell’incavo una candela che lo illumina al buio e il risultato è davvero scenografico!



È usanza dei paesi anglosassoni mettere queste decorazioni dalla faccia minacciosa all’ingresso delle case e sulle finestre, creando insieme degli allestimenti tipicamente autunnali con balle di fieno, foglie o altri elementi mostruosi come ragnatele, pipistrelli e teschi.



La zucca più conosciuta ha un nome ed è la tradizionale Jack O'Lantern. Quest’anno ho provato a realizzarla da sola e devo dire che il risultato non è stato per niente male. Nel tutorial che segue vi spiego come realizzarne una.



La prima domanda che mi sono fatta è stata: “dove trovare le zucche decorative di Halloween?”, ovvero quelle di quel bel arancio acceso?

Sono infatti diverse da quelle che troviamo solitamente in commercio e che utilizziamo per le calde vellutate invernali.

Reperirla fuori stagione non è un’impresa semplice, ma appena si avvicina la notte delle streghe spuntano come funghi nei garden o nei fruttivendoli più forniti e a volte addirittura al supermercato. Io è lì che l’ho scovata, proprio nel reparto delle decorazioni per Halloween.




Ecco per voi un tutorial completo per preparare la famosa zucca di Halloween, chiaramente il procedimento deve essere realizzato da degli adulti, questa volta i bambini dovranno stare a guardare, ma si divertiranno comunque un mondo.



OCCORRENTE:

8.10.16

Come organizzare una craft room


La craft room è il sogno di ogni creativo, un luogo in cui tenere tutto il materiale utile ai progetti di DIY (do-it-yourself) in modo organizzato e funzionale. Uno spazio in cui esprimersi come e quando si vuole e dare libero sfogo alla fantasia.

Non siete forse stanchi di sentire le lamentele dei vostri familiari sul disordine? Di dover conservare tutto l'occorrente per i vostri hobby: cancelleria, scampoli di tessuti e piccola merceria sotto il letto, sopra l'armadio o in qualsiasi altro cm³ libero della vostra casa? Della propensione all'accumulo compulsivo di oggetti a cui vorreste finalmente dare una seconda vita?

Non vi resta allora che realizzare una vera e propria craft room a casa vostra!

A Pretty Fix

Sappiate subito che non è né difficile né dispendioso, basta avere a disposizione un piccolo spazio.
Iniziate scegliendo dove organizzarla: nel sottotetto, in taverna, nella stireria, nella camera degli ospiti o in un disimpegno, non è necessaria un'intera stanza sarà sufficiente un angolo.

26.6.16

La confettata, cos’è e come si realizza

Weddit

Che matrimonio sarebbe senza confetti? Dalla cerimonia più sfarzosa a quella più intima, i tradizionali dolcetti ricoperti di zucchero non possono assolutamente mancare nel buffet di una festa che si rispetti: innanzitutto perché rappresentano fin dai tempi antichi un augurio di prosperità e poi perché piacciono davvero a tutti! Se state organizzando un party non potete non prevedere una confettata, ossia un corner dedicato alla degustazione di confetti declinato in tanti gusti diversi, dai più classici ai più eccentrici.

Pagelli Sposi

Questi bon bon per tradizione venivano donati dagli sposi agli invitati insieme alla bomboniera (e spesso, ahimè, finivano dimenticati in una vetrinetta polverosa del soggiorno di casa!). Ora che i cadeaux-ricordo sono sempre più in disuso, i confetti si sono guadagnati un posto d'onore all'interno della festa. Vengono quindi assaggiati e gustati durante la cerimonia e costituiscono un momento dedicato all'interno del ricevimento. Questa nuova moda non vale solo per i riti nuziali, ma anche per battesimi, comunioni, anniversari, feste di fidanzamento, cresime e feste di laurea.

Per organizzare una confettata partite innanzitutto dalla scelta della materia prima, ovvero i confetti. Solitamente total white (l’unico elemento in bianco concesso oltre la sposa), negli ultimi anni sono apparsi in commercio tanti differenti colori e gusti per deliziare il palato e la vista degli invitati: dolcetti con all'interno pistacchi e nocciole al posto della classica mandorla d'Avola e sapori particolari come ricotta e pere, cannolo siciliano, melone o cappuccino.